Suicide Squad: Una recensione

suicide2[1]
Da quando DC ha reboottato l’universo per creare un universo condiviso simile a quello Marvel non penso abbia ancora azzeccato un film, e purtroppo Suicide Squad non fa eccezione.

Suicide Squad soffre esattamente di uno dei problemi di Batman v. Superman, ovvero troppi personaggi e troppi nuovi personaggi: il centro della scena è naturalmente dedicato a Deadshot e Harley Quinn, ma naturalmente la presenza del Joker è troppo ingombrante per essere ignorata, e anche gli altri eroi e malvagi hanno tutti una loro parte.

La prima parte del film è una lunga e necessaria introduzione a tutti i personaggi, mantenendo però celate le origin story, a parte per Harley Quinn (origin story classica: ovvero la dottoressa di Arkham che si innamora del suo paziente Joker). Anche l’origin story di Joker è celata, si sa solo che era ad Arkham probabilmente già catturato da Batman come si può intuire da Batman v. Superman.

Le mie aspettative erano per un film scanzonato con una banda di improbabili eroi, ovvero una sorta di Guardiani della Galassia in chiave DC. Il film prova ad essere questo solo a metà: la colonna sonora contenente una sorta di greatest hit di pezzoni degli ultimi 50 anni spinge certamente verso il lato leggero, e allo stesso modo la follia per nulla lucida di Harley Quinn puntano nella stessa direzione, ma al di fuori di questo la storia è seriosa come quelle degli altri titoli DC.

Il problema però è che la quantità di personaggi non permette di andare molto più lontani di una bozza, e in particolare il Joker seppur recitato magistralmente non funziona, perché è presente solo in funzione di Harley Quinn.

La parte di seguito contiene spoiler (clicca se vuoi leggere)

Spoiler

Il problema principale del film secondo me è che con un cast incredibile, e un insieme di personaggi potenzialmente perfetto si sono ridotti a fare un film di zombie. Immagino non sia semplice trovare un pretesto per far entrare in azione dei malvagi, ma mandarli in una città insieme a dei militari (che con un po’ di artiglieria sarebbero stati altrettanto efficaci) per combattere contro delle armate malvagie, ma vulnerabili alle munizioni, è completamente uno spreco. In particolare per il personaggio di Harley Quinn che non è esattamente un action hero.

[collapse]

Una ultima nota: non ho visto il film in inglese, ma avendo visto i trailer penso che quasi tutti i personaggi abbiano perso qualcosa con il doppiaggio, e anche qualche battuta non arriva a segno.

Al di la di questo quello che resta è una buona chimica tra gli attori, un Joker che per ora non ci ha detto niente ma che con una buona scrittura potrebbe darci delle soddisfazioni, e una Harley Quinn che speriamo di rivedere contro Batman.

Una sorta di ennesima occasione sprecata insomma, per una DC che deve decidere cosa fare da grande.