Candidati, Partiti, Idee…

Negli ultimi 2 giorni ho lavorato sulla scala dell’UI e ora sto cominciando a pensare di utilizzare una risoluzione fissa e in finestra: per ora mi sento abbastanza tranquillo nel fare giochi in finestra, ma affrontare le diverse risoluzioni per ora mi porta via troppo tempo.

Oltre all’interfaccia grafica ho cominciato a popolare i collegi con partiti e candidati: per ora avevo solo elettori e idee, ora ho creato 2 partiti con idee radicalmente opposte e a queste ho associato dei candidati con una leggera variazione sull’ideologia di partito. Anche nell’elettorato ho fatto una modifica: ho legato l’importanza dell’idea dell’elettore a quanto è forte la sua opinione, ovvero i moderati avranno un legame meno intenso alle proprie idee rispetto agli estremisti. Per ora i partiti sono estremisti di segno opposto.

Sono molto vicino a simulare la prima elezione: come dicevo volevo creare il mondo di gioco simulando una serie di elezioni precedenti in modo da legare organicamente gli elettori ai partiti, e creare una storia per partiti e candidati. Ho assegnato un’età ai candidati in modo da poter creare un ricambio, e magari anche una gerarchia con nuove leve e vecchia guardia.

L’idea delle elezioni successive dovrebbe coincidere con le scissioni nei partiti: ad ogni elezione vorrei aggiungere una nuova tematica creando una divisione nei partiti già presenti. Questi partiti divisi per idee sono quelli che poi dovranno formare le coalizioni e far funzionare tutto il sistema con le regole appunto del Rosatellum.

Come di mio solito una prima idea semplice esplode molto rapidamente in un sistema molto complesso: in questo caso sto cominciando già a vedere qualche limite nel modo in cui programmo, ovvero dove inserire i comandi per legare le singole entità in modo da poter effettuare tutti i controlli (ad esempio che un candidato non sia presente in 2 collegi). Non ho ancora deciso come far funzionare i candidati, e ho idee molto vaghe su come dovrà essere la struttura generale del gioco: una parte di governo (4 anni turni da 1 mese) dove i partiti al governo possono cambiare alcune condizioni nei collegi (le condizioni non le ho ancora create, ma dovrebbero essere legate alle idee) e i partiti all’opposizione possono fare propaganda, una fase di 8 mesi con turni da un mese di pre campagna elettorale, con la formazione delle coalizioni e delle candidature, e una fase di 4 mesi con progressione giornaliera che è poi il cuore del gioco ovvero la campagna elettorale.

Ma questi sono tutti passi successivi: ora è il momento di simulare la prima elezione.