Designated Survivor: prima impressione

1000x563-q90_a3552818a0bcac4e2a74c13539ef5f001

Designated Survivor è la nuova serie ABC con Kiefer Sutherland nella quale, in seguito ad un attentato che distrugge il Congresso durante lo State of the Union, il Ministro della Casa e dello Sviluppo si trova presidente degli Stati Uniti senza un parlamento o un gabinetto.

Questa serie mischia vari elementi di diversi “drama” politici come West Wing e House of Card, tenendo naturalmente il secondo tema molto importante del mistero dietro all’attentato terroristico e delle relative indagini.

La serie più vicina per l’aspetto politico è probabilmente Madam Secretary della CBS (serie di cui ho guardato solo parte della prima stagione): anche in questa serie la protagonista si trova inaspettatamente in una posizione di comando, anche in quel caso c’è un mistero/complotto, e soprattutto anche in quel caso i rapporti familiari della protagonista son trattati con molta rilevanza.

Designated Survivor è questo ma su una scala più ampia: naturalmente il tipo di attacco e la mancanza di governo portano a rapide drammatiche conseguenze che mettono anche a repentaglio l’esistenza stessa dello stato federale; oltre a questo quasi tutti i personaggi sembrano interessati ad operare per guadagnare potere piuttosto che agire per risolvere la situazione.

In questi primi episodi la vicenda è molto veloce e a parte brevi accenni di contorno non c’è un vero senso della criticità della situazione, ovvero nonostante tutto la vicenda sembra muoversi forzatamente attraverso un singolo problema alla volta quando è chiaro che dopo un evento di una simile portata i problemi da risolvere sarebbero molteplici contemporaneamente.

La scrittura dei personaggi è ricca di clichè tra i quali naturalmente l’immancabile capo di stato maggiore guerrafondaio che vuole scavalcare il presidente.

Nonostante tutto questo però la serie per il momento funziona, è prodotta bene, ed è piacevole da guardare.

Quindi se vi piacciono i thriller politici Designated Survivor potrebbe essere qualcosa da guardare in attesa della prossima stagione di House of Cards.