Ripresa Trasmissioni

Dopo aver passato senza celebrazioni il primo compleanno della riapertura di questo blog ho preso qualche altra settimana per riordinare ulteriormente le idee.

Come avevo scritto ho partecipato al Ludum Dare 39 e contrariamente a quanto mi aspettassi son riuscito a pubblicare un gioco entro 72 ore (qui).

Questo piccolo successo ha acceso in me un desiderio di continuare a sviluppare piccoli videogiochi, e nel mese di agosto ho infatti sviluppato un secondo titolo completo (qui).

Sviluppare un videogioco, anche piccolo, partendo da zero mette di fronte ad una serie di interessanti sfide che penso possano essere ottimi argomenti per questo blog: per questo motivo ho deciso di orientare lo scopo di questo blog ai videogiochi e in particolare allo sviluppo degli stessi. Oltre ai videogiochi parlerò occasionalmente di altri modi per raccontare storie come film, telefilm, o libri e quali lezioni si possano trarre da questi nella creazione di videogiochi.

Per il momento vorrei cercare di continuare a pubblicare un articolo al giorno, ma vedremo se con questo cambio di argomento avrò abbastanza da scrivere.

Nelle altre notizie: No Man Sky ha rilasciato un grosso aggiornamento, e penso che troverò una occasione per riprendere la serie di articoli che ho dedicato a questo titolo.

La fine di Flash è in vista

Questo è un giorno che non solo 10 anni fa sarebbe sembrato ridicolo, eppure è dall’introduzione del primo iPhone nel 2007 che è stato da subito chiaro che Flash non sarebbe potuto durare in eterno. E così è stato.

Adobe ha annunciato che supporterà il plugin flash per il browser fino al termine del 2020 e ha invitato tutti quelli che ancora stanno utilizzando questa tecnologia a migrare verso i formati aperti entro tale data.

Flash è stato per anni uno dei cardini del web, in particolare per quanto riguarda i videogiochi giocabili via web, ma l’ascesa degli smartphone e dei tablet poi ha segmentato il mercato in modo che non potesse più dipendere da un singolo formato ed un singolo lettore: il fatto stesso che flash non funzionasse sui telefonini e sui tablet ha contribuito non poco a sviluppare le app e il relativo mercato. Inizialmente iPhone non aveva applicazioni installabili (era comunque possibile crackare il sistema e installare dei port, ma non c’era alcun supporto da parte di Apple) e la prima versione delle applicazioni presentata da apple doveva essere fatta da web app. Apple probabilmente ha progettato fin dall’inizio l’iPhone per avere applicazioni, ma ha deciso di sistemare il dispositivo e creare una iniziale base di utenti prima di lanciare l’appstore nel 2008.

Da li per flash è stata tutta discesa, e mano a mano anche i browser principali hanno cominciato a togliere il supporto via via che si sviluppava il cosiddetto HTML 5.

Con Flash se ne va una classe di programmatori che se non l’ha già fatto dovrà espandere le proprie capacità verso altre tecnologie. Questa è la natura del web: tutto è temporaneo e nessuna conoscenza specifica dura più di 10 anni, senza mutamenti.

Da oggi al 2020 dovremo cominciare a pensare a come mantenere tutto il patrimonio di videogiochi scritti in questo linguaggio, perché fino ad ora abbiamo un lettore standalone in grado di eseguire i file swf, ma domani con nuovi sistemi operati si porrà il problema della retrocompatibilità del lettore, che a sua volta potrà dover dipendere da alcuni codec audio/video che potrebbero essere considerati obsoleti. Ma son convinto che se siamo in grado di far girare i giochi per il Commodore 64, un modo lo si troverà anche per Flash.

Flesh ha più di 20 anni di storia alle spalle e probabilmente un giorno ne parlerò più diffusamente, tra qui e il 2020.

Parteciperò al Ludum Dare 39

Questo è uno di quei tipici post che scrivo per motivarmi.

Ho deciso – nonostante la mia poca esperienza con Unity – di partecipare al Ludum Dare 39, o almeno di provarci.

La sfida consiste nel creare un videogioco aderente al tema scelto dalla comunità in un weekend , ovvero da questo venerdì alle 3 di notte ora italiana, alle tre di Martedì.

Ludum Dare è una sfida di creazione di videogiochi. Si compete sostanzialmente per la gloria, e il premio è il gioco che si è riusciti a creare e la soddisfazione di averlo creato.

Il tempo estremamente limitato è quello che rende eccezionale questa competizione: uno dei grossi problemi nel game design è partire per la tangente e cercare di creare il più bel gioco di sempre, e questo risulta in molte idee abbozzate e abbandonate ma pochi progetti fatti e finiti. Dandosi uno stretto limite di tempo si è obbligati a tenere le aspettative basse e lavorare con la conclusione del progetto in mente: soprattutto si punta ad avere qualcosa di giocabile e rifinito (o diciamo almeno presentabile), per quanto piccolo.

Questa appunto è la prima volta che riesco a partecipare a questa competizione, e spero di riuscire a venire a capo di qualcosa.

Vi terrò informati del risultato.

La USS Gerald R. Ford entra in servizio

Sabato scorso 22 Luglio è entrata in servizio la portaerei nucleare Gerald R. Ford, la 78esima portaerei nella storia della marina Statunitense e prima della nuova generazione.

Questa superportaerei nucleare ha sostituito l’Enterprise ritirata lo scorso febbraio riportando ad 11 il numero totale di portaerei in servizio.

Le portaerei americane attualmente in servizio son tutte di classe Nimiz, ovvero navi degli anni ’70 costruite fino al 2009. Questa nova classe non propone in realtà un cambio radicale rispetto al concetto della Nimiz: è certamente più moderna, più razionale – in particolare la catapulta elettromagnetica al posto di quelle a vapore – ma non è un balzo in avanti rispetto alla classe precedente, quindi è lecito chiedersi se sia adatta alla guerra contemporanea.

La situazione operativa dagli anni ’70 è cambiata radicalmente, sia dal punto di vista politico, sia dal punto di vista del tipo di missione, sia soprattutto dal punto di vista delle tecnologie.

Son le tecnologie il motore che ha modificato la guerra sui mari: prima arrivò il vapore che sostituì gradualmente le vele, in particolare a partire dalla guerra di secessione con i blockade runner confederati così veloci da sfuggire alle navi unioniste. Sempre nella guerra di secessione comparvero le ironclad ovvero le prime navi con scafo in metallo. Comparvero anche le prime torrette girevoli e i primi esperimenti di sommergibile (per il momento a pedali).

In quel periodo la guerra era combattuta ancora con bordate, ed era il numero di cannoni per ogni singolo bordo a far la differenza. Con l’inspessirsi delle corazze furono necessari cannoni sempre più grandi.

Anche i siluri comparvero durante la guerra di secessione, ma la loro forma moderna è del 1866 e si diffusero a partire dal 1870: furono cruciali nella guerra Russo – Giapponese, e letali soprattutto di notte quando l’oscurità permette di avvicinarsi alle grosse navi. Si è passati in meno di 30 anni dai velieri alle grandi navi con cannoni, e le piccole torpediniere con i siluri.

Ma nel 1906 fa la comparsa una nave che rivoluzionerà la marina: la Dreadnought veloce grazie alle turbine a vapore, e in grado di trasportare enormi cannoni per cominciare ad attaccare ancora da più lontano, in modo da poter essere al sicuro dalla minaccia dei siluri contrastando le torpediniere.

Da qui il carbone verrà gradualmente rimpiazzato dal petrolio e cominciarono a svilupparsi le moderne navi da battaglia corazzate che arriveranno alla prima guerra mondiale, e con loro si svilupperanno anche i sommergibili, in grado di attaccare senza essere visti il naviglio mercantile. La battaglia dello Jutland fu il culmine dell’era delle corazzate, a soli 10 anni dalla prima Dreadnought.

Durante l’interguerra continuarono a svilupparsi i sottomarini, e si progettarono corazzate sempre più grandi, fino alle enormi Bismark e Yamato, ma – anche grazie ai trattati di non disarmo che impedivano la costruzione di enormi navi – si creò lo spazio per una nuovo tipo di nave: la portaerei. La neonata aviazione si era sviluppata rapidamente durante la prima guerra mondiale, e l’impiego in mare con ruoli di attacco fu chiaro quasi fin da subito.

E furono proprio gli aerei a mettere fuori combattimento la Bismark nel 1941. La guerra navale era cambiata di nuovo, e a 25 anni dallo Jutland le navi da battaglia lasciarono il posto alle portaerei.

La guerra fredda vede lo sviluppo dei jet nella prima parte, e dei reattori nucleari e i missili cruise nella seconda: non ci sono battaglie eclatanti come quelle delle guerre mondiali e nessuna superportaerei è mai stata affondata e questo può dare un certo senso di sicurezza che si possa essere arrivati alla nave definitiva.

La portaerei ha un innegabile valore di “proiezione di forza” e il solo spostarla in un mare può essere una sufficiente forza diplomatica per ottenere il proprio obiettivo. Detto questo le portaerei sono vulnerabili ai missili a lungo raggio lanciati da terra: di fatti in un eventuale reale impiego operativo contro un nemico simmetrico (ovvero non terroristi, ribelli e cose simili, ma uno stato moderno e organizzato) metterebbe la portaerei a tiro delle batterie costiere prima ancora che le stesse possano essere a tiro degli aerei.

Come abbiamo visto la storia della marina ci insegna che nessun avanzamento tecnologico dalla rivoluzione industriale a oggi è durato più di 30 anni, quindi son portato a pensare che questa costosissima nave sia nata già obsoleta.