Verso il Ludum Dare 44

Ci risiamo: questo weekend si terrà la quarantaquattresima edizione del Ludum Dare.

Si tratta della sesta edizione consecutiva per me, e anche questa volta voglio riuscire a consegnare qualcosa di completo.

Mi piacerebbe sperimentare qualcosa di nuovo però: ho provato oggi Defold un motore gratuito per creare giochi 2d, con anche un compilatore per HTML5.

Sarebbe parecchio azzardato provare un nuovo motore basato su un linguaggio che conosco poco, ma penso che queste competizioni siano fatte soprattutto per questo tipo di sperimentazione, quindi vedrò il tipo di tema che uscirà: se il tema potrà si presterà ad un gioco bidimensionale sufficientemente semplice da essere implementato con un linguaggio un po’ diverso mi ci butterò, altrimenti rimarrò sul mio fedele Unity.

La competizione inizierà nella notte tra Venerdì e Sabato.

Breve storia dei controller

Ecco la storia dei controller delle console, di come si sono evoluti e di come si sono copiati.

Non son mai riuscito ad usare bene i Joypad: con il Comodore 64 avevo come quasi tutti un Joystick, mentre con il PC ho sempre usato mouse e tastiera, a parte il HOTAS per pilotare gli aerei, e volante/pedaliera per le auto.

L’ispirazione non esiste

In questo video vediamo il processo creativo dei Queen.

In pratica hanno provato qualunque possibile combinazione di note e parole per comporre One Vision.

Questo la dice lunga sul processo creativo e sull’idea dell’ispirazione, come se veramente esistessero le muse.

Il processo creativo per me è incrementale. Si crea qualcosa di completamente imperfetto e per iterazioni successive la si perfeziona fino a quando diventa qualcosa di buono.

Il vero problema di questo procedimento è sapere quando fermarsi.