Karaoke: Perché non Torniamo alla Chitarra Attorno al Fuoco?

DSC_0816
Karaoke: in Giappone esiste dai primi anni ’70 ed è esploso negli anni ’80. In italia è arrivato insieme a Fiorello nel ’92, e da allora ha continuato ad imperversare nelle feste in casa, nei bar, e nelle sagre di paese.

Quando avevo vent’anni però, nonostante la diffusione del karaoke, solitamente mi trovavo a cantare attorno al fuoco con gli amici: c’era quello con la chitarra, c’era il canzoniere con le gli ultimi successi pop, i classici degli anni 60, e le canzoni della chiesa, e ci si divertiva con poco.

Non ho mai capito perché la gente preferisce il karaoke, dove solitamente è solo una persona che canta mentre gli altri ascoltano, alle canzoni attorno al fuoco dove chi non sta limonando canta insieme agli altri.

Anche quest’anno come tutti gli anni il karaoke mi perseguita: per qualche imperscrutabile ragione culturale è il Giovedì notte la serata che un po’ ovunque viene dedicata al karaoke. Poco importa se mi trovo a casa, o in villeggiatura: posso stare certo che il giovedì fino a tarda notte ci saranno canzoncine sintetiche con sopra voci stonate ad un volume così alto da essere udibile in tutto il paese.

In questi anni vanno di moda un sacco di cose retrò e vintage: perché allora non sostituiamo il karaoke – un residuato bellico degli anni ’90 che i giapponesi hanno imposto all’occidente come vendetta per le bombe atomiche – con la più romantica chitarra attorno al fuoco?

Son sicuro che cantare attorno al fuoco sia molto più divertente, e che si cucchi certamente di più.

Ma soprattutto si evita di scassare l’anima al mondo!

Stato del Blog Agosto 2016

Si è concluso il primo mese dalla riapertura di questo blog e quindi penso sia il momento di guardare un po’ di numeri.

Come ho detto nel mio primo post questo blog vuole essere prima di tutto un esperimento, quindi penso che ogni mese scriverò qualche riga su quell che succede dietro le quinte.

Per prima cosa son soddisfatto di essere riuscito a scrivere 23 articoli, ovvero uno per ogni giorno tra il lunedì e il venerdì. Questo nuovo formato di scrittura “a getto” non mi occupa molto tempo e penso di riuscire a mantenerlo anche in futuro.

Purtroppo non ho ancora ricevuto commenti, nonostante l’integrazione con Disqus, ma penso sia comprensibile dato che il numero di visite è ancora parecchio limitato.

Visite

In totale ho ricevuto 441 (+36%) visite da 337 (+9%) utenti. Non molto, ma un leggero miglioramento rispetto all’anno scorso in cui il blog era fermo ed erano accessibili solo le pagine dell’archivio. Il 50% delle visite provengono da cellulare (ragione in più per la scarsità di commenti), quindi la scelta di un tema responsive penso sia stata corretta. Solo un 5% è arrivato da tablet, mentre il restante 45% da PC. Il marchio di cellulari più utilizzato è Apple, mentre il browser per PC è Chrome.

I motori di ricerca hanno generato il 58% delle sessioni, ma il 64% di queste è atterrato sulla pagina dei contenuti non trovati, ma questo trend è in diminuzione mano a mano che google deindicizza i vecchi contenuti del sito.

I Social hanno generato il 16% del traffico, dove il 72% è generato da facebook e il 27% da twitter: l’articolo più letto tramite social è la mia recensione di Ghostbusters. Sul fronte Social penso che proverò ad integrare il sito con G+ dove dovrei avere già una pagina.

I referral hanno generato il 22% del traffico, ma tra questi numeri c’è anche qualche versione di facebook che non viene correttamente conteggiata sotto i Social: cercherò di sistemare questo problema nelle statistiche.

Direi che per il momento questa analisi può bastare: vediamo a che punto saremo il mese prossimo.

L’Ipotesi della Simulazione e il Concetto Stesso di Simulazione

DSC_0337

Tra le ipotesi più stravaganti tra quelle che solitamente vengono discusse dopo un paio di birre c’è certamente quella della simulazione.

Secondo l’ipotesi della simulazione se esistono civiltà sufficientemente avanzate da creare una simulazione della realtà completamente verosimile allora la nostra realtà potrebbe essere null’altro che una simulazione di una civiltà avanzata, a patto che almeno una civiltà non si sia autodistrutta prima di arrivare al livello necessario di sviluppo, e che esista almeno una di queste civiltà interessata a creare e mantenere un simile tipo di simulazione.

L’argomento il più delle volte affrontato in modo paradossale e scherzoso pone lateralmente la questione di cosa sia una simulazione.

Ho rintracciato la vecchia confezione del videogioco Balance of Power del 1985. A quei tempi i videogiochi venivano rilasciati corredati da corposi manuali cartacei, e nel caso di Balance of Power la stessa confezione è un libretto rilegato. A pagina 75 il creatore del videogioco si avventura nello spinoso concetto del realismo di una simulazione.

Secondo l’autore non ha senso paragonare una simulazione ad una foto, ovvero ad una riproduzione fedele della realtà, ma è più corretto paragonarla ad un dipinto, ovvero una raffigurazione enfatizzata della realtà: ogni simulazione dalla più semplice alla più accurata arriva a coprire ed enfatizzare solo una serie di aspetti della realtà, andando a creare delle meccaniche e inserendo dei dati misurabili per far funzionare questa macchina.

Partendo da questo concetto di simulazione quindi se andassimo a supporre che la nostra realtà sia in realtà una simulazione all’interno di un’altra realtà allora dovremmo per forza accettare che esista una realtà più complessa e diversamente enfatizzata rispetto alla nostra.

Ok: direi che 250 parole sull’ipotesi della simulazione sono il massimo contributo che si possa scrivere da sobrio.

Die Hard e le Presidenziali Americane

Die-Hard-With-a-Vengeance-Samuel-L.-Jackson-e-Bruce-Willis[1]
Nel 1995 usciva Die Hard. Il titolo originale di Die Hard è “Die Hard 3: with a Vengeance” ma in italia è uscito come “Die Hard: Duri a Morire”, perché il primo film della serie è stato chiamato “Trappola di Cristallo” secondo la moda italiana di adattare i titoli americani generici con elementi specifici della trama, stessa ragione per cui Die Hard 2 in italia si chiama “58 Minuti per Morire”.

Comunque, come stavo dicendo prima di infilarmi in questo sproloquio sulla lungimiranza dei distributori cinematografici italiani, nel 1995 usciva “Die Hard 3”. Die Hard 3 è quel film con Bruce Willis (quando ancora non faceva la pubblicità per i telefonini) per la terza volta nei panni di McClane, e Samuel Jackson reduce da Pulp Fiction nel ruolo dell’improbabile fortuita spalla.

Cosa c’entra Die Hard con le presidenziali americane? Ben poco in realtà, a parte per un curioso dettaglio: sia Donald Trump, che Hillary Clinton vengono citati all’interno dei dialoghi di questo film. Donald Trump viene citato come marito desiderato da una operatrice del 911, mentre Hillary Clinton viene citata come quarantaduesima presidente degli Stati Uniti, proprio in virtù del fatto che il quarantaduesimo presidente era il marito Bill (ed effettivamente McClain dirà, Hillary sarà la quarantatreesima).

Entrambi i candidati citati in un film di 20 anni fa: questo ci fa capire quanto i massimi livelli della politica americana siano in questo momento legati al passato. Obama è stato una parentesi di aria fresca, probabilmente come il primo Clinton, ma per il resto è facile vedere le famiglie di presidenti, o i vari vicepresidenti che successivamente corrono per la casa bianca.

Una politica che in qualche elezione è puro rinnovamento, e in qualche come questa è nostalgia del passato: Trump e Clinton sono entrambi dei personaggi figli degli anni ’90 e per quanto Trump voglia dare di se l’immagine del politico in discontinuità non si può ignorare che ha 70 anni e che in caso di vittoria sarebbe il più vecchio presidente eletto, superando anche Reagan.

Il paragone tra Trump e Reagan è abbastanza semplice, e soprattutto Trump adora che la gente lo accosti a Reagan, al quale ha anche rubato lo slogan “Make America Great Again”: entrambi hanno avuto una vita al di fuori della politica nei 30 anni precedenti alla candidatura, entrambi son stati personaggi pubblici e personaggi di spettacolo (Reagan attore cinematografico, Trump personaggio televisivo), entrambi sono hanno portato una proposta discontinua rispetto al partito repubblicano uscendo da una presidenza Democratica.

Ma se la società degli anni ’80 che Reagan aveva di fronte si trovava in una enorme transizione, forse la transizione che si trova ad affrontare Trump dopo 20 anni da Die Hard 3 è ancora più grossa: il mondo rispetto agli anni ’90 è radicalmente cambiato, il predominio economico americano è in discussione, l’Europa (e la Germania) unita sono comandano sia come produzione che come consumo, la Cina e l’India sono in un cammino di rinnovamento che coinvolge miliardi di persone, e tutto questo senza parlare della rivoluzione tecnologica che sta caratterizzando questi anni.

Per questo trovo abbastanza peculiare che dal lungo processo delle primarie i migliori candidati emersi siano entrambi radicati negli anni ’90, quasi come se la società trovandosi faccia a faccia con le sfide del presente si rifugi in un passato che non potrà mai tornare.

L’Ultimo Aggiornamento di Prison Architect

prison-architect-8[1]
Il 25 Settembre 2012 usciva la prima alpha di Prison Architect; il 6 Ottobre 2015 il gioco usciva nella sua versione completa, ovvero la 1.0; ieri 28 Agosto 2016 è stata rilasciata l’ultima versione, la 2.0.

Prison Architect è un simulatore di costruzione e gestione di un carcere, e anche un simulatore di evasione dalle carceri costruite da altri giocatori: il gioco è stato sviluppato nel corso di 5 anni e 12 mesi dalla Introversion Software, una piccolo studio indipendente che aveva avuto grande successo con alcuni giochi tra i quali Uplink e Darwinia, ma che si era trovata ad attraversare cattive acque nel tentativo di portare a termine il progetto Subversion, poi abbandonato.

Prison Architect è stato finanziato in prima battuta con dei pre ordini, e quindi attraverso un lungo processo di early access: il gioco nella sua versione iniziale era a malapena giocabile, ma da Settembre 2012 o Ottobre 2015 sono stati mano a mano aggiunti tutti gli aspetti che rendono Prison Architect un ottimo gioco. Gran parte del processo di sviluppo è stato influenzato dal feedback dei giocatori che mano a mano giocavano le varie versioni alpha rilasciate. Naturalmente anche dopo il completamento del gioco base gli sviluppatori hanno continuato ad aggiungere e migliorare le meccaniche per quasi un altro intero anno, il tutto sempre incluso nel prezzo originale.

Prison Architect è un ottimo esempio di come lo sviluppo dei videogiochi sia mutato in questi anni, ed è certamente un esempio positivo, purtroppo uno dei pochi. Non è infatti così comune che un gioco in early access esca ad un certo punto dalla fase di beta, e che allo stesso modo gli sviluppatori ad un certo punto riescano a sganciarsi. Questo perché il modello dell’early access è una spada a doppio taglio che rischia troppo spesso di legare gli sviluppatori ad un singolo progetto, e in molti casi a non riuscire a monetizzare questo progetto in altro modo se non il prezzo iniziale solitamente basso, e soggetto a sconti con il tempo.

Introversion ha dedicato quasi 6 anni allo stesso progetto, e per un gioco da 28€ ritengo sia uno sforzo enorme anche per uno studio piccolo: le due milioni di copie vendute dall’altra parte stanno a dimostrare come questo sforzo resti economicamente valido, anche se non paragonabile agli incassi dei giochi più grandi.

Ora Introversion si sposterà su un nuovo progetto e gli auguro di avere almeno lo stesso successo di Prison Architect.